DESCRIZIONE INFUSI

Sono bevande dal gusto gradevole, salutare, non contengono sostanze eccitanti quali la teina o la caffeina e sono quindi adatte a tutti e degustabili a qualunque ora. La base di questi infusi è quasi sempre composta dai fiori dell’Ibisco, forse meglio conosciuti con il nome di karkadè, che generano una bevanda dissetante, ricca di vitamina C e che ha la proprietà di accrescere le difese dell’organismo, prevenire gli stati influenzali e le malattie da raffreddamento; ha inoltre effetto digestivo e diuretico. Altro componente presente di frequente negli infusi alla frutta è la bacca della rosa canina, anch’essa ricchissima di vitamina C e dal gradevole sapore fruttato. A questi due elementi che, come detto costituiscono la base dell’infuso, vengono aggiunti pezzetti di frutta essiccata, fiori, foglie che, variamente miscelati e differentemente combinati, formano quei gusti diversi e originali che caratterizzano queste bevande non solo semplicemente gradevoli, ma anche rilassanti e digestive.

 

 

DESCRIZIONE TISANE

Sono formulate pensando alla salute della persona, con lo scopo di recuperare serenità e tranquillità, assaporando il piacere di una pausa interamente dedicata a sé stessi. Pochi minuti di infusione permettono a erbe e frutti di sprigionare aromi e fragranze che aiutano a sentirsi bene. La tisana è un preparato che si ottiene diluendo in acqua calda o fredda gli estratti di principi attivi di varie piante. Gli estratti possono essere ricavati da varie parti della pianta, foglie, fiori, radici, corteccia ecc., o da tutta la pianta e i procedimenti per la preparazione delle tisane si differenziano secondo le caratteristiche della pianta. Le tisane possono infatti essere realizzate:

  • Per infusione, ovvero quando foglie, bacche o fiori, a seconda della parte della piante che viene utilizzata, vengono lasciate in acqua bollente per alcuni minuti, in genere almeno dieci o quindici. Le piante non vanno mai bollite, perchè perderebbero i principi benefici in quanto principi volatili.
  • Per decotto, quando si usano le parti più dure della pianta, come la corteccia, che vengono quindi fatte bollire con l’acqua a fuoco lento per 5 – 6 minuti e infine filtrate.
  • Per macerazione, quando le parti della pianta da trasformare, generalmente fiori, in tisana vengono lasciate in acqua fredda per un lungo periodo di tempo.

Le tisane possono avere un effetto positivo sul nostro organismo ma anche sul nostro aspetto fisico, sono in genere miscele di erbe scelte sulla base delle singole proprietà e sapientemente dosate, che uniscono efficacia e gusto grazie all’aggiunta di aromi naturali e dolcificanti. Inoltre le tisane si differenziano a seconda del principio attivo che utilizzano e per la specifica finalità curativa per la quale vengono assunte, si possono riconoscere alcune categorie tra le più usate e note: depurative disintossicanti, drenanti, dimagranti, digestive, rilassanti, tranquillizzanti, diuretiche, lassative, antinfiammatorie ed espettoranti e energetiche.

INFUSI IN BREVE

Quando si inizia ad interessarsi ai rimedi naturali, una delle parole che entrano a far parte del vocabolario per la cura del nostro benessere è infusione. L’infuso può essere utilizzato per vari scopi, per risolvere diversi tipi di problematiche o semplicemente per gustare una piacevole bevanda calda sana e naturale. E’ il metodo più diffuso per beneficiare delle innumerevoli proprietà delle tante piante e erbe disponibili in natura ed è anche il più conosciuto tra i cultori del benessere psicofisico. In realtà, però, alcuni di questi termini possono essere confusi tra di loro. Gli infusi del piacere sono nati per dare la possibilità a tutti di godere dei benefici di una bevanda naturale, dal gusto delicato, a qualsiasi ora del giorno. Sono miscele di sapori e profumi, che delizieranno il vostro palato, risvegliando i sensi per momenti di benessere, armonia, e relax per il corpo e la mente.

TISANE IN BREVE

Le tisane sono miscele composte da più erbe, corteccia o radice,diventano infusi quando hanno foglie,fiori e frutti,  e rappresentano il simbolo della naturalità e della genuinità poiché sono totalmente prive di conservanti e additivi. Se vengono preparate e utilizzate nel modo giusto garantiscono una comprovata efficacia terapeutica. La tisana viene definita come una preparazione liquida di erbe con proprietà medicamentose, destinate ad essere somministrate per via orale, da distinguere con infuso, decotto o macerato a freddo. La tisana è un preparato che deve rispondere a precise indicazioni sulle miscelazioni delle singole erbe. Deve essere costituita da un “remedium cardinale” il rimedio base che fornisce il principio attivo terapico, da un”adjuvants”, il rimedio sinergico a quello base che ne coadiuva l’assorbimento e da un “costituens”, il complemento che migliora la tisana.

Alcune informazioni e notizie sono state prese da altri siti internet.